Attilio Zenaro

Vedi tutti i suoi post
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Il partigiano Edmond - Aharon Appelfeld

Aharon Appelfeld ne ha viste tante nella vita. Aveva otto anni quando perse i suoi genitori. Era ebreo e in Bucovina c'erano le persecuzioni. Trovò rifugio per un po' di tempo in un bosco. Ma non ha mai smarrito l'immagine divina che aveva dentro. Un angelo del Signore gli è sempre stato accanto.

Don Lorenzo Milani - Michele Gesualdi

Libro scritto davvero bene e fuori dalle convenzioni da Michele Gesualdi che visse con il priore e la sua famiglia per anni e partecipò alla trasformazione di Barbiana da luogo abbandonato da Dio a luogo amato.

Vita del prete Lorenzo Milani - Neera Fallaci

Libro scritto con stile chiaro e armonico da Neera Fallaci, una giornalista attenta che ha raccolto una miniera di informazioni su don Lorenzo Milani. Padre Turoldo dice che è da leggere tutto, anche le note. Concordo.

Vita del prete Lorenzo Milani - Neera Fallaci

Libro scritto con stile chiaro e armonico da Neera Fallaci, una giornalista attenta che ha raccolto una miniera di informazioni su don Lorenzo Milani. Padre Turoldo dice che è da leggere tutto, anche le note. Concordo.

Vita del prete Lorenzo Milani - Neera Fallaci

Libro scritto con stile chiaro e armonico da Neera Fallaci, una giornalista attenta che ha raccolto una miniera di informazioni su don Lorenzo Milani. Padre Turoldo dice che è da leggere tutto, anche le note. Concordo.

Libia - Paolo Sensini

Un libro molto documentato, consigliato a chi non si accontenta delle informazioni che passa la tivù e la stampa sulla Libia e il "mostro di Mu'ammar Gheddafi".

R: Al posto tuo - Riccardo Staglianò

Il libro "Al posto tuo" di Riccardo Staglianò è ben scritto e documentato ma, a me sembra, non prospetti cambiamenti positivi veramente praticabili alla già evidente disoccupazione generalizzata sempre più in crescita con conseguenze lancinanti per la tenuta delle società e, soprattutto, dello stato sociale nei paesi democratici. Offre, tuttavia, un punto di partenza critico importante.

Al posto tuo - Riccardo Staglianò

Mi permetto di consigliare sul tema la lettura del libro Nicholas Carr "La gabbia di vetro. Prigionieri dell'automazione", Cortina Raffaello, 2015. Ha scritto anche: "Internet ci rende più stupidi".

" Anche se ci rendono più semplice la vita, la rete e le nuove tecnologie ci stanno rubando qualcosa di essenziale, come la gratificazione legata al fatto di portare a termine un lavoro complicato nel mondo reale. Dalle fabbriche tessili del XIX secolo alle cabine di pilotaggio dei moderni aerei, Carr esplora l'impatto dell'automazione da una prospettiva profondamente umana, esaminando le conseguenze della nostra crescente dipendenza dai computer. Senza dimenticare che, usando mezzi così efficienti, rinunciamo a sviluppare competenze cruciali in vari ambiti, col risultato di trovarci in gravi difficoltà se lo strumento non funziona".

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Re: 1° flash mob per festeggiare i 10 anni del sistema bibliotecario provinciale

Gentile Sonia & Co, non me ne vogliate, ma francamente mi sfugge l'efficacia di una tale iniziativa se non come copia incolla di manifestazioni veicolate dalla rete che lasciano il tempo che trovano. Dovrei venire con il mio librino e un pasticcino in un luogo che ricorda la cultura italiana solo perchè porta il nome di un poeta, tra persone sconosciute che tali verosimilmente rimarranno anche dopo? Sono sicuro che se ci pensate bene vi viene qualche altra idea migliore per celebrare l'anniversario. Per esempio: tenere aperte tutte le biblioteche una domenica mattina. Cordiali saluti, Attilio

BANDO del Premio Internazionale di Poesia “DANILO MASINI”

Sull'home-page del sito ho letto con meraviglia notizia del concorso di Poesia "Danilo Masini". Chiedo, innanzi, a chi ha pubblicato l'informazione se conosce quanti premi di poesia, soprattutto in estate, a pagamento e gratuitamente vengono organizzati in Italia. Sono un numero considerevole, inferiore agli aspiranti poeti il quale, a sua volta, sono inferiori ai lettori di poesia. Cosa c'è di culturale in questo premio rispetto ai mille passa che tengono bordone? Personalmente non ne vedo alcuna differenza. Ovviamente non c'è nulla di male a voler cimentarsi in tali prove, sperando di avere il riconoscimento, per quanto effimero, magari di un tale famoso convenuto per l'occasione. Questo giova alla poesia, aumentano, magari, i suoi lettori? Gli esperti dicono di no.
Propongo un premio di poesia economico come segue: ognuno legge il libro di poesia che gli piace e ne parla bene o male qui di seguito in cinque-dieci righe; oppure puo' scrivere qualche suo componimento con il solo premio di venire letto dai lettori, che poi non è un premio così piccolo. Attilio

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate