Community » Forum » Recensioni

Badenheim   1939
0 1 0
Appelfeld, Aharon

Badenheim 1939

Parma : Guanda, 2007

  • Copie totali: 7
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Il libro è la storia del silenzio surreale che precede la catastrofe. Il silenzio è quello di Badenheim, una località di villeggiatura austriaca, frequentata soprattutto da agiate famiglie borghesi di origine ebraica, nell'estate del 1939; la catastrofe è quella dei campi di concentramento, che si annuncia sempre più incombente e imminente, ma che viene con ostinazione negata da coloro che sono destinati a subirla. A Badenheim tutto continua come sempre, come nelle estati precedenti, come se anche nel 1939 fosse possibile godersi le vacanze: balli, feste, innamoramenti, persino il festival delle arti. E non servono a nulla le voci insistenti di trasferimenti di massa in Polonia, gli ambigui controlli sanitari a cui gli ebrei vengono sottoposti e tutti gli altri segnali che l'estate alla vigilia della Seconda guerra mondiale porta con sé. Sono pochi coloro che davvero realizzano ciò che sta inesorabilmente avvenendo; pochissimi quelli che perdono, comprensibilmente, la testa; gli altri, la gran parte, insistono a negare l'evidenza, a proseguire in un cieco ottimismo che li spingerà a non voler vedere fino all'ultimo, fino al giorno in cui un treno con destinazione sconosciuta arriverà proprio a Badenheim...

26 Visite, 1 Messaggi
Utente 42
64 posts

Aharon Appelfeld è uno scrittore che stupisce sempre.

  • «
  • 1
  • »

3972 Messaggi in 3055 Discussioni di 614 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.