Community » Forum » Recensioni

La  morte corre sul fiume
0 1 0
Grubb, Davis

La morte corre sul fiume

Milano : Adelphi, [2007]

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Anche in assenza di precise notizie, non è difficile immaginare che nella sua carriera di pubblicitario Davis Grubb mai aveva lanciato un prodotto con un accorgimento efficace come quello con cui nel 1953, al suo esordio, presentò Harry Powell alias II Pastore, cioè lo psicopatico più seducente e abominevole che si ricordi: quattro lettere tatuate sulle dita della mano sinistra ("Hate") e quattro su quelle della destra ("Love"). Il resto - e si intende la costruzione di un gotico tutto americano, dove le luci dell'espressionismo proiettano lunghe ombre sul paesaggio spettrale del Midwest - lo ha fatto il film diretto l'anno dopo da Charles Laughton e interpretato da Robert Mitchum: ogni scena sembra girata per imprimersi, come in effetti è avvenuto, nella memoria. Tanto più sorprendente sarà allora tornare al testo d'origine: la storia è qualcosa di più, se possibile, dei fatti che la compongono (e che ruotano intorno a un bottino di cui solo i ragazzini nelle mani del Pastore conoscono il nascondiglio), è un'omelia nera, una lunga e cupa ballata atroce almeno quanto le filastrocche infantili che di tanto in tanto la interrompono, risuonando nel vuoto.

73 Visite, 1 Messaggi

L'ho letto in un fiato, suspance e tensione psicologica, atmosfera languida, lenta ed effetto attenzione la pazzia abita alla porta accanto garantito! Ottima anche la forma! Consigliato

  • «
  • 1
  • »

4351 Messaggi in 3385 Discussioni di 633 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.